Cantine Capecci

Domenico Capecci ha fondato l´azienda nel 1975, succedendo a Guido Capecci la sviluppó tenendo conto sia degli insegnamenti del padre e dei criteri di un´azienda moderna. I risultati arrivarono e cosí fu per diversi anni. Nel 2002, in contrasto con il lavoro svolto fino a quell´anno, esce il primo vino dove gli additivi e le manipolazioni vengono ridotti. Il figlio di Domenico, Roberto oggi produce il vino che aveva il sapore di quelli che faceva il nonno. La lavorazione manuale in vigna e la complessità del loro lavoro li porta ad avere una produzione controllata e mai massiccia di uve. Dividono la produzione dei  vini in base al tipo di lavorazione. In vigneto sono controllati dall’ente “Suolo e Salute” anche se non applicano mai la classica fogliolina verde per scelta aziendale. Vini “salubri e vivi” che godono di una lunga vita e che sono prodotti vietando l’utilizzo di una serie di additivi usuali nell’enologia moderna avendo la consapevolezza che la natura crea con la sua perfezione e compromettere quel delicato equilibrio è un errore imperdonabile. Se non ci sono queste condizioni ovviamente non si produce. Lavorare in questo modo é una sfida quotidiana, una grande fatica che solo chi ama il proprio mestiere puó sopportare. La loro maggiore soddisfazione é quella di proporre un vino che possa stupire e conquistare nella sua naturalezza. Tralasciano le mode, i gusti internazionali e presentano vini sani e vivi senza compromessi

Subcategories

Filtri attivi

  • Passerina "Naturae...

    16,00 €

    Annata:  S.A.

    Regione: Marche

    Vitigni: Passerina

    Vinificazione e affinamentoSi segue una rigida autoregolamentazione che vieta l’utilizzo di qualsiasi allergene o qualsiasi conservante e stabilizzante. Il contenuto di solfiti si attesta generalmente sotto i 10mg x litro e sono dovuti solamente al lavoro dei lieviti indigeni che in fermentazione producono questi minuscoli quantitativi. La fermentazione attivata da lieviti indigeni non prevede controllo di temperaturaAffinamento in botte di 2 mesi.

    Abbinamenti: Antipasti ed arrosti di pesce, primi piatti al tartufo.